Image Description
Clara Odetti 1/15/2020


Mario Griseri si è laureato per la prima volta in Chimica Industriale presso l’omonima facoltà di Torino, successivamente ha seguito anche il corso di farmacia conseguendo il dottorato per la seconda volta. 


Dopo aver vinto un concorso regionale ha scelto di insegnare presso l’Itis Delpozzo di Cuneo. 


È stato un fondatore, insieme al preside Delpozzo della nuova costruzione in Corso Alcide De Gasperi e uno dei primi capo dipartimento del settore Chimica. 


Mario Griseri, conosciuto anche dai propri alunni come “Grise” o “Grisu”,era un insegnante di chimica analitica del quinto anno della sezione “C”. Non nascondeva le rivalità che provava nei confronti dell’altro corso dell’ indirizzo, infatti manteneva un rapporto distaccato anche con i suoi colleghi. 


Era un docente con un carattere burbero, ma in fondo nascondeva un cuore grande, pronto ad aiutare chi era in difficoltà nella sua materia e disponibile a fornire approfondimenti inerenti all’argomento trattato. 


Alcuni lo ricordano anche come una persona ironica, ma che incuteva una certa soggezione soprattutto durante le interrogazioni. Cercava di mantenere una certa distanza tra sé e gli alunni, dava del tu ma pretendeva del lei. Cercava di insegnare allo studente a compiere scelte analitiche strumentali autonome, per sapersi destreggiare discretamente nel contesto lavorativo. 


Questo metodo ha spinto molti suoi allievi a risolvere problemi in vari ambiti. Ha lavorato in compresenza per diversi anni con Peano Gianfranco e Bertaina Franco. Da molti colleghi è stato descritto come una persona imprevedibile, molto intelligente e disponibile ed abile nel suo lavoro. 


Gli ex alunni non dimenticano del professore Griseri la severità, l’indifferenza durante la consegna degli esiti delle prove di verifica e il suo carattere altalenante. 


Alcuni allievi erani intimoriti dalla sua personalità forte, "Grise" preferiva gli alunni brillanti che sapevano osare nel porre quesiti e poi formulare ipotesi. E’ anche ricordato in maniera simpatica, per la voce tonante con cui nel corridoio chiamava il bidello “Garin”. 


Al di fuori della scuola svolgeva anche altre attivitá, come l'analisi della farina in un’azienda, lavorava presso farmacie sia private che pubbliche ed effettuava controlli delle emissioni industriali in atmosfera. 


In casa e in famiglia manifestava lo stesso carattere , ma come nonno è stato per me un grande e continua ad essere tuttora un punto di riferimento in diversi ambiti: cercava di aiutare il prossimo mettendo in atto tutte le conoscenze che possedeva e se anche in apparenza era un po’ aspro, possedeva un’ enorme bontà d’animo cosa che in questi giorni purtroppo scarseggia. 

""

Tags dell'articolo

ITIS

Ti piace ciò che hai letto?

Registrati con Google
Graffitis è un progetto della Componente Studenti Consiglio Istituto
I ragazzi della redazione si cimentano ogni giorno nelle attività più disparate per permettere la pubblicazione degli articoli e il mantenimento della piattaforma.
Se hai qualche suggerimento/consiglio, esegui l'accesso e contattaci.
Image Description
Scritto da

Clara Odetti

Questo autore non ha ancora caricato la sua descrizione...