attualità

Il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica

Image Description
Elia Petrucci 1/29/2020

Il 31.12.2019 è il giorno che chiude un anno; tra i mille festeggiamenti e botti aspettando la mezzanotte, c’è chi sta già guardando al 2020 con uno spirito nuovo e con emozione. Molti avranno compilato la fatidica lista dei buoni propositi del nuovo anno ed altrettanti si saranno accorti di non aver mantenuto quelli passati. 

C’è una cosa, però, con la quale il decennio passato ci saluterà con caloroso addio, ossia il discorso del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella. 

Il discorso si è appena concluso ed è come se, nella stessa sala da cui parla, fossero proprio presenti le migliaia di italiani che lo hanno ascoltato invece da casa, vedendolo in televisione, che lo applaudono e si complimentano con lui. Un discorso impeccabile e rigoroso, come lo è il Presidente d’altronde, che riesce, seppur con lentezza, ad affascinare chiunque lo stia ascoltando. 

L’anno si conclude così con un buon auspicio, ricordando il passato ed assaporando il futuro con parole ben elaborate ed espressive.

Ogni piccola pausa è utile per rielaborare ogni frase precedentemente detta, così da rendere tutti gli argomenti importanti e di facile interpretazione. 

 

“…proviamo a guardare l’Italia dal di fuori, allargando lo sguardo oltre il consueto…”

 

Con questa frase Mattarella invita tutti a guardare le cose secondo un’altra prospettiva. A non abituarsi ad avere paraocchi che limitano la vista e bloccano la mente di ognuno di noi. Quale invito migliore poteva concederci se non quello di imparare a vedere con occhi migliori?

Bisogna a volte lasciare il “beneficio del dubbio” e rendersi conto che non sempre le cose sono solo come le vediamo noi, ma c’è un mondo fuori dal nostro piccolo nido che ci guarda e ci osserva, giorno dopo giorno.

Dobbiamo far sì che il futuro sia già adesso, attimo dopo attimo e che nulla sia lasciato al caso, così che ognuno di noi possa ancora credere in questa Italia e che ci sia ancora fiducia in un sistema democratico che funzioni.  

In Italia persiste l’ostacolo del fatto che tutti vogliono essere protagonisti di qualcosa; bisogna invece impegnarsi a vivere e a combattere dall’interno i problemi che ormai da anni ci logorano e che hanno risvegliato una crisi economica non indifferente. A volte risolvere problemi è semplice ed altre volte più difficile, basta che ci sia uno spirito cooperativistico e di aiuto per un fine maggiore e subito è possibile arrivare alla soluzione dei problemi. La difficoltà sta sempre nel riuscire a fare un passo indietro e capire che da soli non si andrà mai da nessuna parte. 

Gli italiani non hanno bisogno di ostilità, battibecchi e sceneggiate da parte di chi in realtà dovrebbe guidarli e rendere la nostra Nazione sempre più unita e ben vista al di fuori delle frontiere. 

È vero, non serve una nomina o una carica politica per poter cambiare le cose. Per questo motivo il Presidente Sergio Mattarella invita i giovani a vivere la quotidianità sociale, interessandosi ai propri concittadini ed al proprio Paese così da non rendere l’Italia un posto da cui fuggire, ma in cui vivere con serenità e partecipazione di crescita. Ai giovani viene sempre chiesto tanto ed ora viene loro richiesto il compito più semplice: partecipare. Essere presenti nella quotidianità di tutti ed avere fiducia nelle  persone e nelle istituzioni ma soprattutto in sé stessi. Perché essere consapevoli di chi si è, può renderci migliori con noi stessi e con gli altri. 

Il Presidente della Repubblica valorizza e cita le famiglie italiane che in questi ultimi periodi hanno dovuto affrontare momenti molto duri, riuscendo a superarli, spesso con sacrifici.

Richiama al dialogo ed al civismo, che oggi più che mai dovrebbe essere nel “bagaglio” di ciascuno di noi, per abbattere barriere sociali che non fanno altro che aumentare un clima di odio e superficialità.

Poi a tono, ribadisce che l’Italia vera è una sola, costruita sull’altruismo e sul dovere e che non sono ammessi valori che vadano a contrastare i primi due. “Spreca” qualche minuto per ricordare a tutti l’importanza del senso civico e della misura al tempo dei Social Network ed del mondo online. Mondi che possono servire ad ampliare il nostro linguaggio e la nostra comunicazione con altre persone, ammonendo, però, chiunque li utilizzi con malizia, denigrando con troppa leggerezza chi non la pensa allo stesso modo così da alterare uno scambio di opinioni o per trarne vantaggio nella diffusione di notizie false.

L’Italia si può dire che appaia come “un’unica opera d’arte” ed è sempre giusto ricordarne la sua bellezza che sempre deve essere valorizzata con un maggiore ed efficace dialogo tra istituzioni culturali e società, così da favorirne lo sviluppo e la condivisione.

Mattarella è riuscito, a parer mio, a fare un’analisi dettagliata dei punti più importanti di questo 2019 e evidenziare le strategie che nei prossimi anni si dovranno attuare per consolidare un’Italia che riesca a riemergere e ad avere un ruolo importante nel benessere dell’Europa. Abbiamo assistito ad un discorso pieno di punti, valori ed ideali in cui ogni italiano dovrebbe identificarsi e dovrebbe anche ricordare e riflettere sugli avvenimenti ambientali, politici e sociali che hanno movimentato questo anno passato, con la speranza di aver imparato dai propri errori ed essere sempre più sensibili ai molteplici cambiamenti che potranno avvenire.

Un discorso di cui dobbiamo far tesoro. Al nostro Presidente della Repubblica Italiana vanno i nostri più sentiti ringraziamenti per l’impegno e la dedizione che lo vede impegnato quotidianamente nel lavorare al servizio degli italiani.

Ti piace ciò che hai letto?

Registrati con Google
Graffitis è un progetto della Componente Studenti Consiglio Istituto
I ragazzi della redazione si cimentano ogni giorno nelle attività più disparate per permettere la pubblicazione degli articoli e il mantenimento della piattaforma.
Se hai qualche suggerimento/consiglio, esegui l'accesso e contattaci.
Image Description
Scritto da

Elia Petrucci

Io sono Elia. Amo scrivere e raccontare quello che tutti i giorni ci passa davanti agli occhi e che ignoriamo. Mi piace osservare, prendermi del tempo, una pausa per capire come è girato il mondo per poi stravolgerlo e vivere la mia vita descrivendola secondo quelli che sono i miei pensieri, e perché no, magari anche i vostri.