60-anni-itis

Intervista al presidente di Confindustria Cuneo: dott. Mauro Gola

Edizione Speciale
Image Description
Alessia Arecco 1/17/2020

INTERVISTA AL PRESIDENTE DELL’UNIONE INDUSTRIALE DI CUNEO, DOTT. MAURO GOLA 

- Buongiorno dott. Gola, presidente di Confindustria – Cuneo; siamo studenti dell’ITIS di Cuneo e stiamo intervistando per il nostro giornalino d’Istituto “Graffitis” personalità importanti del mondo del lavoro, esterni alla scuola, per capire come sia la realtà verso cui proiettiamo i nostri sogni e cosa gli altri pensano della scuola che frequentiamo.  Dal momento che anche Lei ha frequentato l’ITIS, quali sono i ricordi più vividi e interessanti che ha del nostro istituto?

Partiamo dal fatto che io ho solo memorie positive di quest’istituto, soprattutto in merito alla qualità della formazione perché era uno degli istituti più all’avanguardia in fatto di strumentalizzazione e preparazione tecnica. Mi  impegnavo molto e a mio parere  di più rispetto ai miei amici del liceo perché a quei tempi all’ITIS c’erano ben due rientri pomeridiani e, come sappiamo tutti, i pomeriggi a scuola sono molto faticosi. Uno dei ricordi più belli che mi è rimasto è per l’appunto quello della preparazione, perché la scuola ti preparava concretamente per la soluzione dei problemi che avresti incontrato in futuro nell’azienda, il cosìddetto “problem solving”. 

- L’ITIS è nato negli anni 60’ per rispondere all’esigenza di un territorio che si stava industrializzando sempre più velocemente; Lei, in qualità di Presidente di Confindustria,  ritiene che la nostra scuola sia riuscita a rispondere con efficacia alle esigenze del settore industriale?

Sicuramente sì, anche perché questo, come altri istituti, è un grande bacino di preziose risorse umane per le aziende che adesso sono diventate molto importanti. Inoltre, grazie al fatto che le materie tecniche vengono studiate così in profondità, escono dagli Istituti tecnici cuneesi giovani diplomati di livello medio-alto,  molto richiesti dalle nostre aziende.

- Quali sono i settori in cui si verifica una maggiore necessità di personale?


Allora, in questa nuova era tecnologica di  “change management” , è necessario che ogni azienda abbia un proprio settore informatico altamente professionale. Pertanto, due sono le figure che oggi vengono ricercate per le assunzioni:

1) In primis, gli esperti di logistica, cioè tutti quei ruoli che si occupano della gestione delle merci, dalla distribuzione alla consegna, alla conservazione (ragazzi, pensate                ad “Amazon” e al giro di mercato che ultimamente ha l’acquisto on line).  

2)  esperti di analisi, perché oggi più che mai c’è bisogno di figure professionali in grado di studiare le informazioni che provengono dal mercato, siano in grado di                 interpretarle correttamente e poi possano suggerire le soluzioni più idonee affinché la ditta/industria resti concorrenziale e/o implementi il proprio business.

-In qualità di presidente di CONFINDUSTRIA di Cuneo, e quindi di esperto conoscitore del mondo del lavoro del nostro territorio, quali sono le richieste delle aziende cuneesi che le arrivano più spesso riguardo agli istituti tecnici?

Tra i neodiplomati più richiesti sono i meccanici e gli elettrotecnici in quanto manca ancora molta manodopera specializzata, che come sappiamo, è la parte fondamentale di ogni azienda. 

Anche i chimici sono molto richiesti perché le aziende del settore agro-alimentare nel Cuneese sono tante. Inoltre, molti di questo settore vengono assunti perché esperti e preparati in merito alla compatibilità ambientale e ai rischi legati all’inquinamento chimico su cui oggi  l’attenzione è, giustamente, molto alta.

Il perito informatico è molto richiesto in quanto la tecnologia digitale  è ormai importantissima. Il mercato globale di internet è in continuo cambiamento e le ditte hanno un costante bisogno di figure che presentino non solo competenze informatiche di alto livello, ma anche una flessibilità mentale  tale da permettere loro di adattarsi continuamente al cambiamento e di rispondere al meglio alle necessità dell’azienda. 

In ultimo, ma non per importanza, bensì perché è la novità dell’offerta formativa, servono tantissimi esperti di logistica, perché il settore della logistica è nato prima che la scuola formasse gli esperti per cui ora che gli Istituti tecnici come il vostro si sono conformati alle richieste del mondo industriale è ovvio che i neo diplomati in logistica andranno letteralmente “a ruba”!  

Se gli adulti credono in noi, perché non cominciano anche noi ragazzi a credere di più in noi stessi e a scommettere di più sulle nostre capacità e sulle nostre competenze?  

"""""

Ti piace ciò che hai letto?

Registrati con Google
Graffitis è un progetto della Componente Studenti Consiglio Istituto
I ragazzi della redazione si cimentano ogni giorno nelle attività più disparate per permettere la pubblicazione degli articoli e il mantenimento della piattaforma.
Se hai qualche suggerimento/consiglio, esegui l'accesso e contattaci.
Image Description
Scritto da

Alessia Arecco

Frequento la classe quarta del corso di informatica, mi piace esprimere le mie emozioni e i miei pensieri attraverso la scrittura.