le-nostre-parole

Pensando e Amando

Image Description
Gioele Bernardi 4/20/2020

L’usuale è divenuto inusuale. Come uccelli in gabbia vediamo il paesaggio al di fuori della finestra e lo desideriamo; le comodità d’un tempo non sono più permesse. E per la prima volta il responsabile non è un essere umano.

Le limitazioni alla nostra vita quotidiana sono entrate in vigore già da qualche tempo, ma solo adesso iniziamo a farci l’abitudine, per quanto ci è permesso. L’aria fresca del mattino, le nuvole del pomeriggio e i raggi luminosi della sera sono futili vagheggiamenti dell’intelletto, limitato, ora, ad osservare. Le azioni della vita frenetica, alla quale eravamo abituati, sono diventate lontani miraggi d’un avvenire incerto, in cui la facile uscita del sabato sera è volta al pericolo di una morte annunciata.

Per la prima volta dal dopoguerra, ogni essere umano viene privato della propria libertà. Le abitudini di una vita vissuta da uomini del XXI secolo vengono stravolte di netto in poche giornate e la vita sociale quasi del tutto annullata. Tanti gli obblighi e le restrizioni, in questo tempo in cui una pandemia tutto move, dove l’unica concessione è l'esistenza e l'impotenza, che ormai governa i sentimenti, riduce i precedenti molteplici impegni ad uno solo: webcam accesa di fronte all’intera umanità.

Penso questa come l’unica vera possibilità di comprendere l’immenso valore dei reali rapporti interpersonali, a volte sottovalutati ed incolti.

Ci troviamo a subire l’incessante incombere di una mancanza prima sconosciuta e un sentimento di impotenza ci invade. E nel ricordo la mente girovaga e il cuore si commuove. E per forza di cose, il tutto s’adusa all’immensità della nostalgia che governa i sentimenti e le passioni. E il solo potere del ricordo allevia i dolenti fendenti che colpiscono il cuore.

Dal primo battito di ciglia della mattina scopriamo in noi un cuore colmo d’amore avvolto completamente dalla nostalgia dei familiari, delle amicizie e della persona amata. A stupirci e a meravigliarci, come il canto degli uccelli in inverno, è il sentimento che intercorre tra i due cuori innamorati, così forte ed intenso. Per la prima volta ci si trova a combattere interiormente contro l’assenza di quello sguardo, che esprime più di ogni altra parola, e quell’abbraccio ormai divenuto l’unica vera casa. Si scopre il sentirsi più che mai incompleti ed incapaci di colmare tale sensazione, perché se nel vicino passato la corrispondenza cartacea sembrava essere l’unione più profonda, in questo incerto presente ci si sente in ginocchio davanti all’evidenza: il rapporto necessita d’esser realmente vissuto. E la mente non è capace di assolvere a questo reale bisogno.

Gli occhi di quelle due nobili anime guardano ora quelle pagine con la nostalgia di chi nulla può fare se non limitarsi a sognare.

Tags dell'articolo

ITIS Quarantena Pensieri

Ti piace ciò che hai letto?

Registrati con Google
Graffitis è un progetto della Componente Studenti Consiglio Istituto
I ragazzi della redazione si cimentano ogni giorno nelle attività più disparate per permettere la pubblicazione degli articoli e il mantenimento della piattaforma.
Se hai qualche suggerimento/consiglio, esegui l'accesso e contattaci.
Image Description
Scritto da

Gioele Bernardi

Musica, Arte, Parole, Pensieri, Gesti, Cuore