musica

La musica che aiuta l'anima

Image Description
Sofia Palombo 10/9/2020

Immaginate di essere in automobile, la radio inizia a suonare una canzone che vi piace molto. Iniziate a ricordare la sensazione che vi invade ogni volta che ascoltate quella canzone. Magari vi ricorda l'infanzia, una persona cara oppure un momento particolare della vostra vita. La musica provoca sentimenti, sensazioni, allegria, tristezza e malinconia. La musica evoca ricordi belli e brutti, importanti o meno per noi.

James Rhodes è uno scrittore britannico, autore del libro "La vita,dopo l'inferno, grazie alla musica". Lo scrittore nel suo libro racconta i momenti duri nella sua vita, momenti che ha superato grazie al potere della musica.  Nel libro sostiene la sua tesi : la musica ha poteri curativi.

Rhodes, oltre che uno scrittore, è anche un pianista. Nel 2010 è diventato il primo autore di musica classica ad aver firmato un contratto con la multinazionale Warner.

Dopo aver lasciato il pianoforte, Rhodes, lo ha ripreso in mano solo dopo 10 anni, ed è stato proprio il potere curativo della musica a portarlo in vita dopo la sua depressione, aprendogli la strada alla bellezza.

Il famoso neurologo Oliver Sacks, nel suo libro "Musicofilia" ,spiega la relazione fra musica e cervello e mostra come la musica possa svegliare alcune zone cerebrali danneggiate. 

Nel suo libro, Sacks racconta di alcuni casi, come quello di Martin ,un individuo con un forte ritardo mentale che sa a memoria più di duemila opere complete.

Di sicuro la storia più commovente raccontata da Sacks è quella di Clive Wearing, un musicista inglese che a 45 anni, per via di un infezione cerebrale, ha perso la sua capacità di memoria, infatti il suo raggio di memoria è appena di 7 secondi.

Tuttavia appena Clive si è messo a suonare il piano, tutti i suoi ricordi sono rifluiti ed egli ha ritrovato  la memoria, la sua sapienza musicale. Infatti la sua capacità di suonare il piano, di cantare e di dirigere è rimasta intatta.

Sara Jhonson, negliUsa, ha creato perfino una disciplina universitaria basata sulla musica.

La musicoterapia è in grado di produrre sostanziali cambiamenti a livello fisiologico nell'organismo. Accellera o ritarda funzioni organiche (respirazione, digestione, circolazione..) stimola le emozioni a livello psicologico (facilita la loro espressione o produce un effetto calmante), aiuta a trovare la concentrazione a livello intellettuale, stimola l'immaginazione e favorisce l'apprendimento delle abilità sociali.

Vorrei lasciarvi con una frase di Platone riguardante la musica:

"La musica è una legge morale. Essa da un'anima all'universo, le ali al pensiero, uno slancio all'immaginazione, un fascino alla tristezza, un impulso alla gaiezza e la vita a tutte le altre cose"                                 -Platone-

Tags dell'articolo

Ti piace ciò che hai letto?

Registrati con Google
Graffitis è un progetto della Componente Studenti Consiglio Istituto
I ragazzi della redazione si cimentano ogni giorno nelle attività più disparate per permettere la pubblicazione degli articoli e il mantenimento della piattaforma.
Se hai qualche suggerimento/consiglio, esegui l'accesso e contattaci.
Image Description
Scritto da

Sofia Palombo

Sono Sofia, mi piace molto il mio nome, suono il pianoforte, la chitarra e studio canto. Mi piace moltissimo la musica e adoro ascoltare la musica con il giradischi e i vinili. MI piace molto la montagna perchè mi trasmette un senso di libertà e tranquillità